Corpo&Mente Arezzo | Diaframma:la spugna delle nostre emozioni
459
post-template-default,single,single-post,postid-459,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Diaframma:la spugna delle nostre emozioni

Il diaframma riveste una grande importanza riguardo alle emozioni ed è influenzato da ansia, problemi, stress, dolori, apprensioni. In seguito a stress emotivi capita di avvertire sensazioni quali un “blocco della respirazione” o di “avere ricevuto un pugno nello stomaco”. Se si è arrabbiati, preoccupati o in ansia, il diaframma tende a rimanere contratto e la persistenza di tali condizioni emotive potrà portare a lungo andare a un blocco di questo. Un diaframma permanentemente bloccato è molto limitato nelle sue funzioni (non solo respiratorie) e potrà determinare l’insorgenza di problemi e patologie anche gravi agli organi ed alle strutture a cui è collegato. Si ricorda, infine, che il diaframma corrisponde al Chakra del Plesso Solare o Manipura. Si tratta di un centro energetico collegato al nostro potere personale, alla forza di volontà, alla fiducia in noi stessi e all’autostima. Una corretta respirazione diaframmatica aiuta a stimolare nel modo giusto il Chackra del Plesso Solare che, se in equilibrio, dona forza ed energia. Da quanto detto è evidente come la rieducazione del diaframma può apportare davvero numerosi benefici andando a migliorare la postura, stimolare organi interni, migliorare la psiche, raggiungere una maggiore consapevolezza del proprio corpo, determinare un maggiore benessere generale e tanto altro ancora.

La respirazione è una funzione fondamentale che ci accompagna durante tutto l’arco della nostra vita. Averne la piena conoscenza e consapevolezza è estremamente utile al fine di migliorare il proprio benessere psico-fisico, incrementando la qualità di vita.

I vantaggi di un diaframma che funziona correttamente:

  • Migliore funzionalità cardiaca
  • Migliore funzionalità dell’apparato digestivo
  • Minore rischio di stitichezza
  • Maggiore ossigenazione tissutale
  • Migliore respirazione e resistenza fisica
  • Minore rischio di ansia e depressione
  • Migliore qualità del sonno

Come migliorare la respirazione diaframmatica
Tra le tecniche più comuni, spesso utilizzate nello yoga, c’è il pranayama. Si tratta di un insieme di tecniche di respirazione che hanno lo scopo di far respirare nel modo corretto, inducendo così il rilassamento di un individuo.

Anche il massaggio eseguito da mani esperte aiuta a sbloccare le tensioni in questa zona oppure l’automassaggio con palline da tennis che spiego durante le consulenze o le mie lezioni di yoga.

Anche alcune asana dello yoga aiutano a risvegliarlo e rilassarlo,,,provare per credere!